Editoriale

“Cronache e appunti sparsi”: lo dico già nella mia “testata”.

Questo non è – né vuol essere in alcun modo – un sito di “informazione” nel senso quotidiano e usuale del termine. Non troverete in queste pagine, per dirla in poche parole, una informazione costante, sistematica, onnisettoriale, specialistica e via dicendo.

Troverete gli articoli e i servizi giornalistici che realizzo per le testate per cui collaboro. E troverete il mio “punto di vista” sulle tematiche che mi stanno a cuore: l’economia, la politica, la tutela dei diritti, il vino e l’enogastronomia in generale…

Riflessioni messe nere su bianco nel momento in cui sorgono.

Nessuna costanza, quindi, nessuna sistematicità.

Questo sito non è, né vuol essere, una testata giornalistica: per informarvi quotidianamente, avete già – on line e off line – una molteplicità di canali. La scelta è fin troppo vasta.

Qui mi muoverò senza le usuali logiche, quelle che improntano e condizionano l’impostazione di tutti i media tradizionali. Accendete la TV e fate zapping fra due o tre TG. Troverete le stesse notizie. Ordinate diversamente e trattate, ovviamente, in maniera diversa. Ma nulla di nuovo sotto il solo.

Con i giornali, anche peggio. Nessuno di loro è ancora entrato nell’ottica che oggi un quotidiano non può fare “informazione”, non può stare sul pezzo. Per la natura stessa del mezzo, che esce dalle tipografie già vecchie.

Eppure sono tanti i quotidiani che ancora pretendono di stare informazione. Non avvedendosi che continuano a scrivere per un target sempre più striminzito, abitudinario e avanti negli anni. E una platea sterminata di potenziali lettori – i giovani, le donne – che oggi non è minimamente attratta dalla carta stampata.

Tralasciando il fatto che, in un sistema editoriale e distributivo quale quello italiano che rasenta ormai l’illogicità e il ridicolo (chi frequenta ancora le edicole? E quante ne sono sopravvissute alla crisi?) sempre meno persone si sognano di doversi barcamenare per acquistare un giornale con le notizie di ieri. Per leggere cose che spessissimo trovano in internet già dal giorno prima.

Qui troverete appunto solo inchieste, approfondimenti e “appunti sparsi”. Nulla di più. E’ su queste che voglio interagire con chi mi legge.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: